- PROCESSI E FATTI CURIOSI CHE RIGUARDANO I FANTINI -

Grattapassere: un soprannome entrato nella storia


La fama di Grattapassere, assai più che alla dimessa carriera di fantino, fatta di diverse prove e di due Palii soltanto, è dovuta alla suggestione di un soprannome che, se in vita gli procurò probabilmente dileggio e derisione, dopo la morte gli ha garantito un posto sicuro nella memoria dei posteri.
Grattapassere, complice un celebre stomello, è entrato soprattutto nella storia della Pantera e vi si è radicato al punto che i panterini scelsero il suo soprannome come titolo del loro notiziario di contrada.
Lo stornello a lui dedicato nel 1930 “Pantera ultima non può mai essere, con Grattapassere si vincerà” non ha avuto la fortuna effimera di uno stornello di passeggera attualità, ma, tramandato di padre in figlio, continua ancora a riecheggiare come una sorta di inno alternativo del popolo di Stalloreggi, che proietta la figura di Grattapassere, fantino mediocre, oltre il tempo e oltre la gloria.
Aneddoto tratto da "Ora come allora" di E.Giannelli e M.Picciafuochi



     per tornare alla pagina iniziale del Palio di Siena