- PROCESSI E FATTI CURIOSI CHE RIGUARDANO I FANTINI -

Il furto di Teodora, moglie di Serafinaccio






28 agosto 1835 - RAPPORTO GIORNALIERO DEL CAPITANO DI POLIZIA

Vincenzo Battagli dimorante a S.Mrcellino nel Vicariato di Radda, nelle ore pomeridiane dello scorso giorno si presentò in questa Cancelleria Criminale lagnandosi di essere stato derubato in Salicotto nelle pubblica strada per opera di una donna che non conosce, ma che stà quasi di faccia alla Bettola del Medici, della somma di £ 36 contenute in un borsellino di quoio che teneva nel saccoccino dei calzoni, ma che li carpì dalla mano, essendosi data immediatamente alla fuga, e praticate dalla Polizia le necessarie diligenze, venne a conoscersi che la donna in discorso era certa Teodora moglie del pregiudicato in materia di furti, Serafino Rossi abitante nella stessa strada di Salicotto, e con la quale il Battagli si trattenne a scherzare lungamente, e siccome la donna stessa fù osservata carpire di mano al Battagli, qualche articolo, e quindi fuggire nella propria casa dicendo = ora non mi rivedi più = così contro della medesima, ho presentata questa mattina in Tribunale la relativa querela per il furto di che si tratta.


Archivio di Stato di Siena - Governo di Siena 347 - anno 1835

     per tornare alla pagina iniziale del Palio di Siena