Concorso dei bozzetti per il Palio dedicato a Simone Martini



    
Viene bandito il concorso per il Palio dedicato a Simone Martini e Aldo Cairola insiste perchè partecipi.
Gli ultimi dubbi, di fronte alla richiesta di Aldo, crollano e scatta subito l'idea di realizzare un Drappellone dipinto ama anche ricamato dalle bandieraie senesi. La lunga tradizione deve essere di supporto anche per il drappellone. L'idea è quella di prendere come ispirazione un particolare della gualdrappa del cavallo con i rombi e le foglie. Sullo sfondo l'immagine della Madonna di Provenzano e grandi strisce di colore come elemento di movimento della corsa. (A posteriori ho saputo d Paolo Cesarini che Piero Sadun, incaricato di fare un manifesto per l'APT , aveva realizzato un bozzetto con un particolare dei rombi della qualdrappa. Il manifesto non piacque. Troppo astratto. Non se ne fece di niente).
Mi affido alle sorelle Burroni,Carla e Maria, che seguendo le mie indicazioni e i disegni realizzano un lavoro straordinario di cucitura di due stoffe: un laminato dorato e una seta nera. Tutto ricamato con filo rosso. Lavoro difficilissimo perchè tutto ridotto in miniatura.
Le due sete vengono dipinte e cucite. Il tutto viene montato in una teca di plexiglas con un supporto in marmo nero e bianco.
Il bozzetto vien consegnato in Comune dalla moglie Lori, dato che Mazzieri si è rotto un menisco e ha una gamba ingessata.
Si attende il risultato della Commissione. Il Drappellone viene assegnato a Vita di Benedetto. Si conferma che il prossimo anno lo farà il Mazzieri.
Il Sindaco, esprime perplessità a Mazzieri, per il fatto che il drappellone sia composto da due sete che svolazzano e che sono anche ricamate...cose che non si sono mai viste.....( in tempi recenti molti artisti hanno fatto ricamare il drappellone – (vedi Ontani, Pizzichini, ….) ma nel 1984 i tempi non erano maturi (vedi Sadun).
Il Bozzetto ritorna in casa Mazzieri. L'anno successivo viene dato l'incarico di dipingere il drappellone. Fino all'ultimo non sappiamo se è dedicato all'anno degli etruschi o all'anno della musica. Con grande piacere del Mazzieri viene dato l'anno della musica. Crispolti dirà che giustamente ad un pittore aniconico viene assegnato il tema della musica.

Fabio Mazzieri



     per tornare alla pagina iniziale del Palio di Siena