Breve cronistoria del drappellone di Daniele Sasson per il "750° anniversario della battaglia di Montaperti" e il …cappottino della Selva.


    
Nel 2008 per il 60° anniversario della morte dello scrittore, poeta e giornalista senese Ezio Felici, venne progettato il volume OPERE che fu pubblicato nel 2009 dall'editore Betti di Siena.
Oltre alle maggiori opere dello scrittore, il volume che conteneva "La battaglia di Montaperti" scritto nel 1910, poemetto che è parte di una trilogia in cui compaiono anche "La Brigata Spendereccia" e la "Santa Caterina da Siena", tutti redatti nella forma di sonetti in vernacolo senese.
Dunque il 2010 vide come coincidenza il 750° anniversario della Battaglia e il centenario della prima pubblicazione del poemetto in questione.
A tutto questo aggiungiamo che sempre nel 2010 ricorse anche il trentesimo anniversario della fondazione de "IL PRISMAmultimedia", Siena, fondato e diretto sino ad oggi da Daniele Sasson che nella nostra intervista dichiarò: "Questa sovrapposizione di ricorrenze mi ha indotto a pensare e organizzare una lettura del poemetto con l'aggiunta di una installazione scenica adeguata. La scelta si è subito orientata su la progettazione di un drappellone nelle misure canoniche del "Palio" sul tema appunto della battaglia di Montaperti. Tutto questo prima ancora che venissero decisi il tema e l'assegnazione del palio del 2 luglio 2010."
Il palio di Daniele Sasson dunque non è nato come qualcuno ha tentato di far credere come un drappellone alternativo a quello di Alì Hassoun. Nulla di tutto questo: il palio di Sasson oltre che ad essere stato realizzato molto prima di quello dell'artista libanese è stato pensato per celebrare innanzitutto il 100° anniversario della prima pubblicazione del poemetto di Ezio Felici che per una felice combinazione ha coinciso con il 750° anniversario della Battaglia e con il trentennale de "IL PRISMAmultimedia" che per tale occasione ha organizzato alcuni importanti eventi in cui il drappellone è stato più volte esposto.
Tra gli eventi più significativi la lettura del poemetto avvenuta a Villa Chigi Saracini a Castelnuovo Berardenga per le voci di Rita Ceccarelli e Francesco Burroni.
Infine il "Palio" ha trovato la sua collocazione definitiva nella contrada della Selva. Daniele Sasson infatti lo ha donato alla contrada che, in occasione del pranzo per la chiusura dell'anno contradaiolo 2010, lo ha collocato nella Società del Rinoceronte per futura memoria … di un cappotto sperato, non vinto sul Campo ma ugualmente, insolitamente e piacevolmente conquistato per la generosità dell'artista senese.




     per tornare alla pagina iniziale del Palio di Siena