- PALIO DEL 16 AGOSTO 1855 NON CORSO PER L'EPIDEMIA DI COLERA -

A dý 9 agosto 1855.
Tutto era stato disposto per l'esecuzione delle Patrie Feste del 15 e 16 agosto, quando il pensiero si rivolse sopra la lacrimevole situazione nella quale si trovavano quasi che tutte le popolazioni della Toscana colle altre attaccate dal flagello del morbo asiatico = Il Cholera = per cui adunata per urgenza la Magistratura alle ore una di questo stesso giorno, e considerando l'afflizione delle popolazioni toscane da non permetterli di prender parte ai pubblici spettacoli, deliber˛ la sospensione delle Carriere alla lunga ed alla tonda che avrebbero dovuto effettuarsi nel 15 e 16 di detto mese, come pure rimase sospesa l'annua fiera fuori della Porta Camollia del 10 e 11 agosto, come dalla notificazione del Gonfaloniere in data del dý 8 detto, e soltanto rimase ferma la funzione votiva dell'offerta del Cero nel 14 di detto mese alla chiesa Metropolitana, ed alla qual funzione concorse un numero straordinarissimo di devoti a presentare il torchietto di cera alla chiesa predetta.
MercÚ la intercessione della gran Madre di Dio Maria Santissima Advocata Senensium questa cittÓ rimase immune da un tal flagello, non essendosi verificati che alcuni casi di dolori cholerici, giudicati per cholera, e nonostante la ComunitÓ cre˛ una commissione sanitaria, e molti provvedimenti furono attivati, onde allontanare l'invasione del morbo.
Una tal sospensione di Feste venne annunziata al pubblico per mezzo di notificazione dal Gonfaloniere di Siena in data del 10 del mese stesso.



Vennero annullate le corse del Palio alla lunga e alla tonda, come anche la fiera del bestiame, ma non la processione del Cero del 14 agosto. Si riuscý cosý ad isolare Siena, evitando il diffondersi di una vera e propria epidemia di colera.



(Da "Memorie di Palio a cavallo tre secoli" a cura di Paolo Tertulliano Lombardi)

     per tornare alla pagina iniziale del Palio di Siena