- PROCESSI E FATTI CURIOSI CHE RIGUARDANO I FANTINI -

L'ultimo Palio di Stecco






2 luglio 1835 - RAPPORTO GIORNALIERO DEL CAPITANO DI POLIZIA

Francesco Grazzi di Asinalunga sopracchiamato Stecco, ammogliato con figli senza professione il quale profittando del cavallo scosso della contrada della Civetta, mont˛ alla seconda girata sopra il medesimo, e si pose a correre con gli altri senza veruna insegna, ma giunto alla svoltata di S.Martino, cadde dal Barbero tramortito al suolo, e trasportato dagli astanti nell'atrio dell'Osteria Socini, accorse immantinente la Venerabile Confraternita della Misericordia, insieme al suo Cappellano Sig. Palagi, e siccome il Grazzi era alquanto sopraffatto dal vino quantunque per la caduta fatta non li fosse casuate che lievi offese, ed un'escoriazione nella canna nasale, tuttavolta non rendeva di sŔ veruna ragione, per cui le f¨ precedentemente amministrato il Sacramento dell'Estrema Unzione, e quindi collocato nel cataletto f¨ trasportato in questo Regio Spedale onde esservi assistito.
Siccome l'operato del Grazzi oltre a essere contrario ai regolamenti veglianti in materia di pubblica giostra, poteva dar luogo a gravi disordini, cosý vado questa mattina a renderne conto con speciale rapporto al Tribunale affinchŔ sia convennientemente punito.




Archivio di Stato di Siena - Governo di Siena 347 - anno 1835

     per tornare alla pagina iniziale del Palio di Siena