- 30 novembre -

1786: Pietro Leopoldo aboĺ la pena di morte e la tortura







  
Il 30 novembre del 1786, il Granduca Pietro Leopoldo abó in Toscana la pena di morte e la tortura, emanando un codice criminale allineato al pensiero illuminista.
Oltre ad abolire la pena capitale, la nuova codificazione introduceva innovativi principi di garanzia, ancora assenti dalla legistazione criminale di molti Paesi: fra l'altro la separazione delle competenze di polizia da quelle giudiziarie, la proibizione di far giurare i familiari contro il reo e lui contro se stesso, la sopressione della denuncia anonima e del delitto di lesa maestà, la limitazione nell'uso del carcere preventivo, la sopressione della confisca dei beni dei familiari del reo, l'istituzione del difensore d'ufficio per l'imputato povero, l'affermazione del diritto a un processo celere.


     per tornare alla pagina iniziale del Palio di Siena