Un tragico incidente avvenne in Piazza del Campo il giorno della tratta del Palio d’agosto del 1753. Accadde che un certo Niccolò Sampieri “si facesse lecito, estratto che fù il cavallo per la contrada della Chiocciola, montar sopra il medesimo e senza riguardo alcuno al numeroso popolo, che interveniva a vedere l’estrazione di detti cavalli, si inoltrasse a comprovarlo, facendolo correre di carriera in giro alla Piazza, nella quale occasione, avendo urtato con detto cavallo, Paolo Burroni, soprannominato Tre Uccelli, e fattolo cadere con tal urto in terra, ed ivi calpestatolo, gli cagionasse una ferita nell’occipite, ed altra nel sincipite sinistro, a motivo delle quali, l’offeso passasse in breve tempo, da questa, all’altra vita”.
Il Palio fu poi vinto dalla Chiocciola con il fantino Alisè, di cui nessuna cronaca riferisce il nome e il cognome. L’ipotesi che si chiamasse Niccolò Sampieri ci è suggerita dalla probabilità che il fantino vittorioso fosse lo stesso che la mattina della tratta aveva “comprovato” il cavallo della Contrada di S.Marco.



Tratto da FANTINI BRAVA GENTE di E.Giannelli, M.Picciafuochi, A.Ferrini e O.Papei - Betti Editore, Siena 2014


     per tornare alla pagina iniziale del Palio di Siena