FIGLI ESPOSTI


- Giovedý 24 Maggio 1714 -

Colomba figlia dello Spedale* f¨ esposta* in Pila* alla Sera Antecedente Ó hore 4* f¨ battezzata da me Giulio Gentili di licenza* commare f¨ Maria Domenica del giÓ Domenico Vagheggi.

- Mercoledý 3 ottobre 1714 -

Maria Caterina Figlia dello Spedale in etÓ di circa Anni 3 trovata dal Portone che conduce al Duomo*, sopra la Compagnia della Morte*, senza notizia alcuna; Fu Battezzata da me Bartolomeo Cornacchini Vice Parroco Fu commare Caterina di Giovanni Bondi.





* FIGLIA DELLO SPEDALE = In questo secolo erano tanti i bambini abbandonati dai genitori: nel 1714 degli 843 battezzati della Pieve di S.Giovanni Battista sotto la Metropolitana, ben 49 erano trovatelli (5,81%). Molti di essi vedevano la luce nello Spedaletto di Monna Agnese o Monagnesa, fondato nel 1278 da Agnese di Orlando e destinato ad accogliere partorienti "vergonose", occulte e ragazze madri. Questo ricovero che rimase efficente per diversi secoli, venne poi soppresso nel 1792.

* ESPOSTA = Trovatella.

* IN PILA = I genitori che volevano mantenere l'anonimato, ponevano i nascituri all'interno di un cestello che era dentro un ruota, che una volta girata, portava i neonati direttamente dentro l'ospedale, dove alcuni incaricati provvedevano a darli un nome e ad accudirli.

* A' HORE 4 = Quattro ore dopo il tramonto. Considerando che alla fine di maggio il sole cala verso le 19.30 (solari), si deduce che eravamo in piena notte.

* DI LICENZA = Autorizzato.

* PORTONE CHE CONDUCE AL DUOMO = La porta che si trova al culmine della piaggia della morte e che ci introduce in piazza del Duomo.

* COMPAGNIA DELLA MORTE = Sorse per l'assistenza ai carcerati e ai condannati alla pena capitale. Fin dalla fondazione del sodalizio, i confratelli della Morte portarono una cappa bianca, ma nel 1675 la mutarono in nera. Come prima sede ebbero un locale sotto le volte della Cattedrale, a cui si accedeva dalla scalinata di S.Giovanni e precisamente dove c'era il museo delle Statue. Nel XV secolo la Confraternita si costruý la chiesa per conto proprio, nella vicina via di Monna Agnese, la quale pertanto prese ad essere chiamata: Piaggia della morte. Costume degli adepti, era quello di distribuire ogni prima domenica del mese il pane ai poveri, oltre a provvedere, insieme alla Congregazione dei "Poveri bisognosi", alla scarcerazione di alcuni condannati per debiti, mediante i frutti di un'ereditÓ lasciata da un membro di quest'associazione. La Confraternita fu soppressa dal Granduca nel 1783, quando venne abolita la pena capitale.
Battesimi di S.Giovanni Battista sotto la Metropolitana

- libro 1019 -