- I DISEGNI DELLE VITTORIE DELLE CONTRADE -

16 agosto 1952




Corsero: Leocorno, Valdimontone, Giraffa, Drago, Aquila, Bruco, Oca, Onda, Chiocciola, Nicchio. Altra carriera passata alla storia per le tante clamorose vicende che la caratterizzarono. Dopo una caduta tra i canapi, il fantino del Bruco si infortunò e fu deciso in barba al regolamento di sostituirlo. Accade che Falchetto, segnato nella Chiocciola, finì nel Bruco e per la Contrada di San Marco corse il vecchio Ganascia che venne prelevato dai palchi. Dopo questo prologo la carriera fu ricca di colpi di scena. Il Nicchio ed il Valdimontone si contesero la vittoria ostacolandosi a vicenda, episodio scatenante dell’attuale rivalità. La caduta del Nicchio sembrava spianare la strada al Montone che però si fece beffare al terzo Casato dall’Oca con Rompighiaccio su Niduzza. Il dipinto proposto, preciso nell’ordine d’arrivo e nei dettagli, mette in particolare risalto il clamoroso cambio di monta citato. Ganascia, che si limitò a restare in ultima posizione avendo il cavallo infortunato, è ritratto in fondo al gruppo col giubbetto della Chiocciola, senza zucchino e con i pantaloni borghesi. Falchetto, invece, è sul cavallo del Bruco, riconoscibile dalle briglie, con una camicia bianca ed i pantaloni e lo zucchino della Chiocciola, anche se nella realtà il fantino indossò il giubbetto di Via del Comune restando coi pantaloni della contrada per cui era segnato in Comune.


copyright Museo Nobile Contrada dell'Oca






     per tornare alla pagina iniziale del Palio di Siena