- I DISEGNI DELLE VITTORIE DELLE CONTRADE -

16 agosto 1830




Corsero: Onda, Oca, Nicchio, Pantera, Selva, Istrice, Aquila, Drago, Tartuca, Giraffa. Dipinto a firma Gorelli. Si tratta, come per il 1818, di un’opera databile intorno al 1900 e conseguentemente ricca di imprecisioni. Dalla mossa, definita pessima, scapparono prime Selva ed Aquila, che però cadde come l’Onda e la Tartuca. Si alternarono in testa Nicchio, Pantera e Giraffa. L’Istrice, con Campanino, prese la testa al secondo Casato, tallonato dal Drago poi superato dall’Oca che si piazzò seconda precedendo il Nicchio. Trattandosi, come detto, di una ricostruzione post-datata, basata sulla tradizione orale, gli errori sono numerosi: il grigio scosso non è riconducibile ad alcuna contrada; l’Oca correva con un grigio ed il Nicchio non venne rappresentato; vi furono ben cinque cadute, ma se ne vede una soltanto. Tra i particolari da segnalare le guardie a cavallo presso il Chiasso Largo ed una strana bandiera dell’Istrice che si leva dal centro della piazza.


copyright Museo Contrada Sovrana dell'Istrice





     per tornare alla pagina iniziale del Palio di Siena