- I DISEGNI DELLE VITTORIE DELLE CONTRADE -

16 agosto 1890




Corsero: Leocorno, Selva, Onda, Bruco, Nicchio, Istrice, Aquila, Giraffa, Oca, Bruco. Storico cappotto del Drago col fantino di Volterra Francesco Ceppatelli detto “Tabarre”. Il Palio fu caratterizzato dall’incidente occorso, durante la mossa, al fantino dell’Onda, Giuseppe Noci detto “Beppino”, che a seguito di una rovinosa caduta non fu in grado di risalire a cavallo. Lo scosso dell’ Onda fu ugualmente portato tra i canapi da cui uscì primo il Drago tallonato dall’Aquila. Le posizioni rimasero immutate sino al termine della carriera con le altre contrade mai nel vivo della corsa. Il “cavallino”, dipinto dalla stessa mano che raffigurò la carriera di luglio, non è molto preciso: salta subito all’occhio la presenza di tutti i fantini a cavallo mentre, come detto, l’Onda si presentò, solo per onor di firma, con lo scosso tra i canapi. Le posizioni dell’Oca e della Giraffa risultano, invece, invertite. In una piazza gremita ed ordinata, contornata da alcuni tricolori, spicca un alfiere del Drago sceso in pista a festeggiare il cappotto.


copyright Museo Contrada del Drago




     per tornare alla pagina iniziale del Palio di Siena