- DISEGNI DELLE VITTORIE DELLE CONTRADE -

2 luglio 1826




Corsero: Aquila, Onda, Drago, Pantera, Nicchio, Tartuca, Leocorno, Civetta, Bruco, Chiocciola. Leggendaria vittoria del Bruco con l’anziano Piaccina che, caduto al canape, risalì a cavallo dopo aver sostituito con un trecciolo delle sue scarpe il morso rotto. L’Aquila partì prima, ma non girò a San Martino e quindi prese la testa il Leocorno che poco dopo cadde al Casato: ne approfittarono il Nicchio e l’Onda che però furono passate dal Bruco che coronò una pazzesca rimonta all’ultimo Casato. Svariati errori caratterizzano il dipinto che tra l’altro non rende giustizia all’impresa di Piaccina: per prima cosa il cavallo vittorioso ritratto con un manto scuro era invece uno stornello pallottato, poi vi appare solo una caduta invece delle cinque che caratterizzarono la corsa. La Selva non partecipò, mentre mancano l’Onda e la Tartuca. Per finire, non è riconoscibile la contrada che era dietro al Leocorno.


copyright Museo Nobile Contrada del Bruco





     per tornare alla pagina iniziale del Palio di Siena