DEMOLIZIONE DELLA CHIESA D'OGNISSANTI


- Adì 10 Ottobre 1812 -

Stacchini Luigi morto nello Spedale nella mattina del detto giorno in età d'anni 70. Il medesimo si trovava a lavorare nel soppresso Convento d'Ogni Santi*, e inclusive nella demolizione della chiesa* si staccò dalla fabbrica* un grosso mozzo*, e ruzzolando venne a fermarsi sopra il detto Stacchini; cavato di sotto la rovina gli fu amministrato l'Olio Santo, e di poi fu trasportato allo Spedale di S.Maria della Scala, dove pochi momenti dopo vi spirò.




* CONVENTO D'OGNI SANTI = Prima appartenuto ai monaci Benedettini, poi usato dai Domenicani quando nel 1221 giunsero a Siena, sappiamo che nel 1477 era già di proprietà dei monaci di S,Galgano, che avevano anche acquistato i diritti sul prospicente spedaletto e la chiesa di Santa Maria Maddalena, Nel 1448, le religiose che abitavano nel monastero, per la vicinanza che questo aveva con il luogo dove venivano eseguite le condanne a morte dei malfattori, si rivolsero invano al Concistoro, pregandolo di voler trasferire le forche in un altro posto, perchè le impiccagioni davano loro "un terrore grandissimo e disturbavano le orazioni". Poi, nel 1554, durante l'assedio di Siena, temendo che il monastero potesse essere usato dal nemico, fu deciso di demolirlo e, ironia della sorte, anche allora nel corso dei lavori, un tal Niccolò Martini venne schiacciato per la caduta della volta dell'edificio. In seguito le conventuali si stabilirono nello stabile della Maddalena di proprietà dei monaci di S.Galgano, che da allora prese il nome di "Ognissanti". Gli ultimi ricordi risalgono al 1810, quando per legge napoleonica, furono soppresse queste monache e il fabbricato passò alla famiglia Bianchi che, demolito il monastero e la chiesa, vi costruì un grandioso palazzo.

* INCLUSIVE = Fra i lavori da compiere; c'era pure.

* FABBRICA = Fabbricato.

* MOZZO = Blocco in muratura facente parte dell'edifico.
Defunti di S.Clemente ai Servi

- libro 2555 -