LA VITA GIOCATA AI DADI


- Adý 18 Marzo 1646 -
Curtio da Chiuci* delle Bande di Sua Altezza Serenissima essendo stato comandato per servitio del'Armata, il medesimo scapp˛ e ritornando al paese fu preso e condotto prigione in quelle segrete in Siena con due altri soldati e tutti e tre furno sententiati alla forcha la sera del 17 i medesimi furno condotti nella Consortaria delle Stinche, la mattina nelle 16 hore furno condotti tutti tre al Merchato Vecchio dove erano rizate le forche, e giunti al patibolo per ordine de Ministri giocorno alli dadi per Sorte cosi il meschino fece il punto di sei fu appiccato*, e li altri andorno in galera; fu sacramentato di Confessione e Comunione e la sera nelle 22 fu portato in questa chiesa alla sepoltura...





* CHIUCI = Chiusi.

* APPICCATO = Impiccato. Per i disertori si usava l'impiccagione o la fucilazione, mentre i delinquenti comuni venivano decapitati, come si nota da questi resoconti tratti dallo stesso libro: "Adý 12 di Dicembre 1654. Alessandro Donzetti da Torchanelle [?], et habitante a Magliano, di anni 27 li f¨ tagliato la testa in Sieme con un suo cugino in Merchato Vecchio per monetario furno messi subito in Cappella di Piaza nelle 23 hore andarno per essi dove furno sotterrati nelli nostri Chiostri nella sepoltura che entra per andare in Chiesa dalla porticciola, gratis" - "Adý 12 di Dicembre 1654. Il Dottore Benardino Dovi da Torchanelle [?], et habitante a Magliano, di Anni 57 li f¨ tagliato la testa per monetario in Sieme con un suo cugino in merchato Vecchio si andarno per essi alla Cappella di Piaza con forme. Sotterrati nei Chiostri dirimpetto alla Porticciola che entra in Chiesa, gratis".
Defunti di S.Martino

- libro 1324 -