- CLAUDIO CARLI -

                  


Claudio Carli è nato nel 1947 in Assisi dove vive e lavora. Dopo studi artistici a Perugia e a Firenze, apprende la pittura da Maestri che gravitano nella città di Assisi come William Congdon, Riccardo Francalancia, Eugenio Dragutescu e in seguito Luigi Frappi con il quale mantiene ancora oggi uno stretto rapporto di amicizia.
Si dedica per alcuni anni all’insegnamento, in Assisi e a Firenze, dove frequenta la facoltà di architettura. Contemporaneamente non trascura la pittura realizzando importanti mostre personali e collettive in Italia e all’estero. Da citare tra le altre le installazioni: Ad caelum, Paesaggi di una facciata, Scrap Delivery, la città delle lettere e Natività , nel prato antistante la Basilica di S. Francesco di Assisi e Not in my back Yard, in occasione dello scoppio della guerra in Iraq.
Gli anni che vanno dal 1980 ad oggi lo vedono impegnato in diverse esposizioni in gallerie d’arte in varie parti del mondo: dalla Francia, alla Germania, agli Stati Uniti, e ancora in Spagna, Inghilterra, Polonia, Romania. E’ presente alla Biennale di Venezia Mostra Internazionale di architettura nel 1985 e alla Biennale di arte Sacra nel 2002. Va sottolineato in particolare il work in progress Neburose condiviso con Bruna Esposito nel reparto di oncologia dell’ospedale di Carrara nel 2006. Significativa l’esperienza Istintismi, in collaborazione con F. Passalacqua, C. Dell’Amico e L. Virili, protrattasi per due anni dal 1995 al 1997 in varie sedi dell’Umbria.
In questo ultimo periodo il suo interesse si sposta verso immagini della natura e del labirinto con realizzazioni di opere di grande formato di boschi monocromatici e composizioni di labirinti su carta e su tela, oltre a numerose installazioni. Da segnalare inoltre due mostre personali realizzate nel 2009, rispettivamente la prima, La belle au bois, a Siena nei Magazzini del Sale del Palazzo Pubblico e la seconda, Quasi come vie d’uscita, a Villa Fidelia a Spello. Per ultimo, la mostra installazione La casa dove.., un tributo ad Adriana Zarri per la quale aveva eseguito una grande pittura murale nella sua casa di Strambino (Ivrea) nel 1996.



- ALCUNE SUE OPERE RECENTI-

     
Sentiero - 2 rupi - bosco - labirinto (per ingrandire le foto cliccare sulle immagini)




     per tornare alla pagina iniziale del Palio di Siena