BENITO III

Corsi 15, vinti 5
anno di nascita: 1977
morto il 13 luglio 1992



data contrada fantino note
  2 luglio 1982      non prese parte alle batterie
1. 16 agosto 1982  PANTERA  Aceto 
2. 2 luglio 1983  LEOCORNO  Bastiano  vinse scosso
3. 16 agosto 1983  LEOCORNO  Bastiano 
  2 luglio 1984      non prescelto
  16 agosto 1984      non prescelto
4. 2 luglio 1985  LEOCORNO  Il Pesse 
5. 16 agosto 1985  ONDA  Cianchino 
6. 2 luglio 1986  TORRE  Bastiano 
7. 13 settembre 1986  OCA  Aceto 
8. 2 luglio 1987  DRAGO  Falchino 
9. 16 agosto 1987  PANTERA  Cianchino 
10. 2 luglio 1988  NICCHIO  Massimino 
11. 2 luglio 1989  OCA  Massimino 
12. 16 agosto 1989  DRAGO  Moretto  vinse scosso
  2 luglio 1990      non prese parte alle batterie
13. 16 agosto 1990  LEOCORNO  Bonito da Silva 
14. 16 agosto 1991  TARTUCA  Cianchino 
15. 3 luglio 1992  GIRAFFA  Bastiano 


E’ stato uno dei grandi re della Piazza, ma a differenza di molti altri, Benito può vantarsi di aver vinto due volte scosso, di esser stato nominato il miglior cavallo del decennio 1980-'89 e di essere stato al centro di molte strategie paliesche. E’ stato al centro di "misteriose" aggressioni in stalla, che fecero scattare in sede locale i titoloni di apertura a caratteri cubitali dei giornali e l'avvio di indagini giudiziarie, fino a raggiungere una posizione stucchevole che non ne offuscò comunque la fama. Perfetto interprete del tufo, come le splendide immagini dell’agosto 1989 fanno ricordare a tutti, Benito maturò progressivamente, come tutti i big che ebbero la pretesa di essere considerati tali in Piazza. Il suo arrivo sul tufo fu bagnato subito dalle polemiche, in quanto i proprietari non accettavano la valutazione assicuratoria e ritirarono il cavallo. Poi nell’agosto 1982 il debutto nella Pantera, con Aceto che restò al canape e nel luglio successivo la vittoria da scosso nel Leocorno con Bastiano, lottando alla maniera di chi sa già dove andare. Non giudicabile nel Palio successivo, il 1984 lo vide "sparire" dal tufo e in quanto, ormai big, l’attenzione delle strategie paliesche lo stava trasformando in un secondo-Urbino. Ma il 1985 lo saluterà nuovamente vincitore, lanciandolo definitivamente nell’olimpo paliesco. A luglio, toccato per la terza volta consecutiva al Leocorno, venne fiancato male dal Pes, che cadde alla mossa; ma ad agosto un superbo Cianchino lo interpretò a meraviglia e lo condusse alla seconda vittoria. ll 1986 è l’anno delle purghe; perse con la Torre a luglio con Bastiano, che forzò troppo la mossa al debuttante D’Inzeo, e poi con l’Oca a settembre con Aceto, che lo richiamò appena si trovò terzo all’altezza del Palco delle comparse. Due Palii diametralmente opposti, ma che non fecero onore al cavallo. Buttò via un palio (luglio 1987) anche il Drago con Falchino, mentre nell’agosto 1987 Cianchino riuscì a non far fallire i pronostici e per Benito fu il primato assoluto nel Palio più veloce della storia, finchè non venne battuto da Oriolu nel 1995. Nel successivo luglio, il "magico nero" fece il poker in Piazza con Mamassino nel Nicchio, mentre la stessa accoppiata si ripresentò nel luglio 1989, arrivando però solo secondo, dietro la scossa Vipera. Da scosso vinse magistralmente, liberandosi del Moretto, che lo allenava, sempre a S.Martino e ricordato per una corsa che resterà impressa nella memoria di molti contradaioli. Poi il 1990, con le violente polemiche sulla "gestione" del soggetto, la "segretezza" che lo accompagnò alla tratta dell’Assunta e l'insufficiente interpretazione di Benito nel Palio, con una mossa tormentata e ritardata. Finì la carriera con altre due sconfitte: nella Tartuca con Cianchino, fallendo il cappotto della contrada, e, l'anno seguente nella Giraffa con Bastiano.


Benito III

Benito III
disegno opera di Carlo de Napoli


ALTRI CAPITOLI INERENTI A QUESTO ARGOMENTO:

Proprietari dei cavalli vittoriosi
I cavalli dal 1945 al 1999
I cappotti dei cavalli
I cavalli vincenti del Novecento
I cavalli vittoriosi all'esordio
Per tornare all'indice delle foto