PANEZIO

Il 1░ volume del libro "Con la rivale in campo", pubblicato nel 2001 riportava questo racconto di un contradaiolo.

Nell'agosto 1975 la tratta fu particolarmente felice per noi chiocciolini con l'arrivo del grande Panezio nella nostra stalla.
L'entusiasmo era alle stelle, Panezio ed Aceto rappresentavano una vera garanzia di vittoria.
Purtroppo ben presto ci accorgemmo che qualcosa non andava, il grande Panezio era fermo, svogliato, sembrava quasi un somaro e divent˛ difficile nascondere alla Contrada un'amara realtÓ.
Con tutta probabilitÓ i proprietari di Panezio, appassionati tartuchini, avevano fatto qualche strana manovra per non far rendere al massimo il cavallo nel timore che toccasse alla Chiocciola.
Le provammo tutte, ma Panezio non rispondeva alle nostre sollecitazioni, quasi rassegnati pensavamo ad un trionfo annunciato che si trasformava in una purga colossale.
Ma l'aiuto arriv˛ dal cielo, il 16 agosto un temporale fece rinviare il Palio ed il giorno seguente Panezio era completamente rigenerato.
Evidentemente la "pozione" tartuchina aveva esaurito il suo effetto e per noi fu una grande soddisfazione vincere il Palio con un cavallo dei nostri rivaliů

Panezio

       

     per tornare alla pagina iniziale del Palio di Siena