- 26 novembre -

2010: è nata Penelope, la figlia di Gianna Nannini







  
MILANO (26 novembre 2010) - E' nata Penelope, la figlia di Gianna Nannini. La notizia della gravidanza aveva provocato un dibattito sull'opportunità di diventare madre a 54 anni. La cantante senese aveva
La cantante senese aveva così risposto alle critiche: «All'improvviso tutti si sono dimenticati della libertà e del diritto che ha ciascuno di noi di fare quello che vuole, quando e con chi vuole». «È nata con una pettinatura rock, che è la copia esatta della mamma»: ecco com'è Penelope Nannini, figlia della cantante senese Gianna Nannini, nata oggi poco prima di mezzogiorno alla Clinica Madonnina di Milano. A parlare è il ginecologo che l'ha aiutata a venire al mondo, Enrico Semprini: «La piccola è nata al termine di una bellissima gravidanza» ed è stata concepita non per ovodonazione, come qualcuno può aver pensato, ma dopo «un lungo percorso di cure che negli anni hanno permesso questo risultato».
Non si è trattato di un parto cesareo: «È nata dopo due spinte - ha detto Semprini - per via spontanea». Il medico ha inoltre confermato che il peso della bimba è di 2,5 chili e che «è stata una felice coincidenza» il fatto che Penelope sia nata lo stesso giorno della nonna Giovanna Cellesi, cui la cantante è molto legata. «Vorrei concentrarmi - ha consigliato il medico - non sul passato ma sul futuro: ora si apre un bellissimo ciclo. Gianna Nannini è una mamma felice e come altre mamme è già in giro per i corridoi con la bimba in braccio». Lascerà la clinica quando «si deciderà per l'allattamento», ha concluso.
La contrada dell'Oca ha esposto la bandiera con il fiocco rosa fuori dalla propria sede per festeggiare la nascita di Penelope. La rockstar è una contradaiola dell'Oca, ed è prassi a Siena festeggiare così le nascite all'interno delle contrade. L'Oca ha mandato a Gianna una coccarda della contrada e gli auguri, a nome della Società delle Donne e del Gruppo Anatroccoli, che riunisce i bambini.
Con una lettera alla figlia pubblicata su Vanity Fair dieci giorni fa Gianna Nannini aveva rotto il silenzio sulla sua gravidanza. «Ti chiamerò Penelope - aveva detto nella lettera - perché mi hai aspettato tanto prima di nascere. Hai aspettato che fossi pronta. Per tre volte non lo sono stata, ma oggi lo sono. Tu, il più grande amore della mia vita, arrivi dopo il dolore profondo e lo shock. Ma ci ho creduto pienamente, e ho sentito la forza per riuscirci, e ti ho desiderata così tanto che oggi, mentre ti scrivo, ti ho dentro di me. Dio è donna. Lo capirai presto e lo capiremo insieme».

Il Massaggero.it

     per tornare alla pagina iniziale del Palio di Siena