- 23 ottobre -

1611: la consacrazione della chiesa di S.Maria in Provenzano



Chiesa di S.Maria in Provenzano


  
Sorge nel territorio dell'Imperiale Contrada della Giraffa, nella piazza dedicata a Provenzano Salvani: politico ghibellino citato spesso da Dante Alighieri e vincitore della Battaglia di Montaperti nel 1260. In questa zona un tempo erano erano presenti proprio le sue case.
Il 2 luglio 1552, durante l'occupazione spagnola, un soldato tirò un'archibugiata ad una statuetta di terracotta smaltata, raffigurante la Madonna con Gesù morto sulle ginocchia, che era fissata ad un muro di una modesta casa del rione di Provenzano.
La statuetta rimase quasi totalmente distrutta, eccetto la parte superiore dove c'era la Vergine.
Da allora vennero accreditati poteri miracolosi a quell'immagine sacra e tanta ne fu la venerazione, che fu deciso di costruire un santuario che potesse contenere i fedeli che accorrevano a chiedervi le grazie.
Il 20 agosto del 1595 iniziarono così gli scavi delle fondamenta della chiesa: il completamento della parte architettonica si concluse nel 1604, anche se i lavori di rifinitura e abbellimento durarono fino al 1611, quando il 23 ottobre la chiesa venne solennemente consacrata con la collocazione della Vergine di terracotta sull'altar maggiore.






     per tornare alla pagina iniziale del Palio di Siena