- 6 settembre -

1455: l'uccisione del traditore





  
Nel 1455, il capitano di ventura Jacopo Piccinino stava devastando il territorio della Repubblica di Siena, la quale per combatterlo aveva assoldato un altro mercenario: Gilberto da Correggio.
Questi peṛ si era accordato segretamente col Piccinino, pur continuando a percepire la paga da parte dei Senesi.
Informati del tradimento, i governanti di Siena convocarono Gilberto a Palazzo Pubblico con la promessa di saldargli quanto dovuto.
Una volta entrato nella sala di Baĺa, il mercenario venne ucciso a coltellate e il suo corpo gettato in Piazza del Campo da una finestra.
Uno degli uccisori, con la punta del pugnale, incise sulla parete vicina alla finestra queste parole: "Ad́ VI septembre in sabbato ad ore XXI. Morto in questo loco el traditore".


     per tornare alla pagina iniziale del Palio di Siena