- 5 maggio -

1907: prove automobilistiche







  
Il giorno 5 corrente (maggio 1907) cominciarono gli annunziati esperimenti per un servizio di automobili; esperimenti intrapresi dalla Società "Fiorentia" di Firenze per conto del Comune di Siena e di altri Comuni e enti morali.
Le gite da Siena a Montalcino per Buonconvento-Torrenieri ebbero luogo il 5 suddetto, l'8 e il 13, e riuscirono egregiamente.
Nell'automobile, svelto ed elegante, trovavansi la prima volta l'ing. Francesco Zanaboni assessore, rappresentante il Comune di Siena, con il segretario dott. Stiatti, il march. Carlo Ballati Nerli per il comune di Monteroni con il segretario Perelli, i sigg. Giovanni Staderini e cav. Carlo Nava per la Camera di Commercio di Siena e il sindaco di Buonconvento cav. Cesare Ricci insieme all'assessore ing. Luigi Partini. Non occorre dire che la popolazione montalcinese - sempre cortese ed ospitale - fece loro la più lieta accoglienza. Parimenti superfluo reputiamo rilevare le cortesie che si ebbero specie da parte dell'on. Prosindaco ing. Giovanni Costanti, dell'assessore sig. Orazio Angelini, del segretario-capo sig. Niccolò Bruni e dei signori avv. Carlo Padeletti. dott. Carlo Fioravanti e cav. Tito Costanti.
I signori gitanti visitarono la Biblioteca comunale, lo stabilimneto industriale dell'avv. Carlo Padelletti e l'antica Rocca.
Partirono da Montalcino per Siena a ore 16, rispettosamente salutati da numeroso popolo.
Alla seconda gita presero parte l'on. Sindaco del Comune di Siena, cav. Alessandro Lisini, con gli assessori comm. Barduzzi e prof. Mariani, il cons, prov. cav. L.Marri Mignanelli, il pres. della Camera di commercio di detta città, sig. E.Righi, il rammentato cav. Ricci ed altri.
Giunti a Montalcino furono subito ossequiati dal nostro Prosindaco ing. Costanti, dall'assessore sig. Angelini e dal segretario-capo sig. Bruni; mentre la popolazione, numerosa, faceva loro una calda, festosa accoglienza.
Alle ore 11 il Corpo musicale si portò, suonando, all'Albergo del Giglio per ossequiare il degno capo della città di Siena, cav. Lisini, i suoi colleghi e gli altri gitanti, che ringraziarono della spontanea e gentile dimostrazione.
Prima di pranzare visitarono la Biblioteca e la Pinacoteca comunale, lo stabilimneto industriale Padelletti la Fortezza ecc., e alle ore 16, fatti segno a nuove festose dimostrazioni, ripartirono alla volta di Siena.

Il Progesso, 5 maggio 1907

     per tornare alla pagina iniziale del Palio di Siena