- 5 febbraio -

1994: gioielleria assalita da tre rapinatori






  
Tentata rapina alla gioielleria Cigna di via Montanini e per un soffio non si è sfiorata la tragedia.
Infatti il figlio del proprietario ha cercato di opporre resistenza ed è stato leggermente ferito alla schiena da uno dei banditi.
Sono le 19 quando tre uomini sui trent'anni irrompono nel negozio.
Due impugnano la pistola, il terzo è disarmato. In quel momento nel negozio c'è Lina Cigna, suo figlio Riccardo di 24 anni, mentre il padre Roberto sta lavorando nel retrostante laboratorio.
I rapinatori intimano alla signora Lina e al giovane di consegnare loro i gioielli.
Riccardo reagisce. I due malviventi armati fanno fuoco.
Dalle loro pistole vengono sparati numerosi colpi, uno prende di striscio alla schiena il ragazzo, poi fuggono, senza aver preso nulla, verso l'auto che hanno lasciata all'inizio di via Garibaldi.
Lina Cigna urla, sono attimi di vero terrore.
Piero Franceschini che ha il negozio accanto alla gioielleria, sente gli spari e le grida e telefona immediatamente ai carabinieri.
E sarà proprio una pattuglia del radiomobile in servizio in via Montanini ad arrivare in una manciata di secondi davanti alla gioielleria.
Riccardo Cigna con un ambulanza della Misericordia raggiunge il pronto soccorso delle Scotte.
Alcuni uomini dell'Arma si mettono all'inseguimento dei banditi, mentre altri colleghi fanno il sopralluogo all'interno del negozio e sentono i testimoni.
Qualcuno, subito dopo la rapina, si presenta alle Forze dell'Ordine per raccontare quello che ha visto.
Più tardi a Figline Valdarno, il colpo di scena che potrebbe dare la svolta decisiva alle indagini.
In serata è stata effettuata una rapina ed i carabinieri sono riusciti a fermare quattro persone. Due di loro corrisponderebbero proprio a quelli che hanno tentato la rapina alla gioielleria di via Montanini.
Nel corso della notte sono proseguiti gli accertamenti da parte delle Forze dell'Ordine per verificare le identità e gli ultimi movimenti dei fermati, la cui auto di grossa cilindrata corrisponderebbe a quella segnalata nella nostra città

La Nazione del 6 febbraio 1994

     per tornare alla pagina iniziale del Palio di Siena