- 14 gennaio -

1801: archibugiate contro i Napoletani






  
- Adì 14 Gennaio 1801 -

(testo tradotto dal latino) Un soldato, secondo quanto apparve chiaro nella descrizione, dell'esercito del Re di Napoli, nel calore della battaglia iniziata tra i soldati delle Gallie e le predette falangi dei Siciliani, presso la piccola chiesa di S.Antonio, detto il Comune dello Stellino annesso di questa chiesa parrocchiale di Marciano; il predetto ricevuta una ferita mortale nella parte sinistra dell'inguine, rovinato a terra per l'esplodere di uno schioppo*, fu trovato morto. Lo stesso era arruolato fra i soldati a cavallo, era un giovane di aspetto mediocre*, di circa 24 anni, di non mediocre statura*, i capelli e la barba non erano di colore castano scuro* ed era privo totalmente di vestiti militari, per cui sarebbe stato impossibile venire a sapere il nome e la nazionalità. Deposto di sera tardi nel predetto piccolo tempio, di mattina, - ultimate in primo luogo le debite esequie - fu tumulato da me sottoscritto Parroco presso la detta chiesa, in un angolo nella parte sinistra del Campo Santo.

- Adì 14 Gennaro 1801 -

Fù dato sepoltura nel Campo Santo di questa Cura* di S.Petronilla presso Siena premesse le consuete esequie fatte da me predetto Parroco ad un Uomo Napolitano trovato morto à Torre Fiorentina in occasione della Battaglia* seguita frà i Napolitani, ed i Francesi, avendo ricevuto un archibugiata nel petto il dì 14 detto a' Ore 9½ della mattina, anzi alle Ore 10 come per relazione del Sig. Francesco figlio del Sig. Giuseppe Benvenuti Agente à Torre Fiorentina, quale d'ordine del Comandante Francese fece trasportare detto defonto alla Chiesa per tumularsi.



* PER L'ESPLODERE DI UNO SCHIOPPO = Per una fucilata.

* DI ASPETTO MEDIOCRE = Piuttosto magro.

* DI NON MEDIOCRE STATURA = Abbastanza alto.

* NON ERANO DI COLORE CASTANO SCURO = Di colore castano chiaro.

* CAMPO SANTO DI S.PETRONILLA = L'antica chiesa di S.Petronilla, ricostruita nel 1721 dal Parroco Giacomo Cumini, si trovava ove oggi è la Piazza 3 luglio. Accanto alla chiesa era il cimitero a sua volta ricostruito, con la stanza mortuaria, nel 1792 dalle Monache del Convento di S.Petronilla. Il cimitero venne utilizzato per i defunti della Parrocchia e dei dintorni fino al 1894, allorchè venne soppresso per ordine del Comune di Siena. Il terrano venne quindi venduto nel 1929.

* BATTAGLIA = Come si legge nei registri del Santa Maria della Scala, altri caduti di questa battaglia furono:
Agostino Vandoni scapolo militare di Roma morto il dì 14 detto
Giovanni Pietro Fusco scapolo militare di Napoli morto il dì 14 detto
Francesco Sabella scapolo militare dell'Abruzzo morto il dì 15 detto
Carlo Ignazio Grasi scapolo militare di Napoli morto il dì 16 detto
Niccolò di Tommaso Luciani militare dell'Abruzzo morto il dì 20 detto
Antonio Gaiani di Bologna militare Cisalpino morto il dì 22 detto
Stranamente non figurano francesi, infatti militari transalpini e polacchi, loro alleati, defunti all'ospedale, se ne trovano solo a partire dall'11 febbraio e senza peraltro specificare se per malattia o altro.


Archivio Arcivescovile di Siena, defunti di S.Petronilla 2707 e di S.Pietroe Paoloa Marciano 2677

     per tornare alla pagina iniziale del Palio di Siena