Cronaca del Palio del 2 luglio 1967




Dopo tre Palii di assenza torna Topolone che va a far felice la Tartuca.
Líaltra favorita Ť la Civetta con Arianna che ritrova per la quinta volta Bazza.
Anche Beatrice e Danubio sono ambiti e fanno ben sperare Drago e Lupa.
La mossa Ť abbastanza confusa e viene data buona dal debuttante Vittorio Baini nonostante alcune contrade siano fuori posto.
Partono prime Aquila, Istrice e Bruco, in nettissimo ritardo le favorite Civetta e Tartuca.
Canapino, rigirato alla mossa, vuole addirittura rinunciare alla carriera.
Il rientrante Rondone spinge bene Selvaggia che gira prima a San Martino, dietro nellíordine Bruco, Drago e Lupa.
Alla curva del Casato il Bruco cade dopo essere entrato in prima posizione, con Bažno cadono anche Nicchio, Onda e Drago.
Ad approfittarne Ť la Lupa con Canapetta su Danubio, seguita da Aquila, Civetta ed Istrice.
Rondone non regge il ritmo e perde terreno, inizia un ultimo giro a dir poco rocambolesco con la Tartuca risalita fino alla quarta posizione.
Il cavallo della Lupa Ť stremato, Bazza riesce a portare Arianna in testa, dietro cíŤ Sambrina per líIstrice, ma a San Martino entrambi i cavalli rifiutano di curvare e vanno dritti verso il Chiasso Largo.
La Lupa si ritrova ancora prima, ma Ť questione di un attimo, anche Danubio si ferma mandando Canapetta sul tufo, tra lo stupore generale passa al comando la Tartuca.
Canapino, con lo zucchino calato sugli occhi, spinge Topolone verso la vittoria attesa in Castelvecchio per quattordici anni.


Testi tratti da "Daccelo!" di Roberto Filiani; foto dei drappelloni da "Pallium"